A mo di Modì

A mo di Modì

Cominciato più di un anno fa, viene portato a termine il cortometraggio A mo di Modì, un progetto firmato da Stefano Cominale con la mia direzione della fotografia e prodotto da DINO film and video factory. Il cortometraggio ha assunto diversi aspetti durante tutta la sua tormentata produzione, ma poi finalmente vede la luce premiando in maniera positiva la fatica di chi ci ha messo il cuore nel realizzarlo.

Ci sono state diverse collaborazioni di vecchia e nuova origine con la produzione DINO. Come si potrebbe evincere dal trailer pubblicato in questi giorni, la storia oscilla tra una Parigi degli anni venti ed i giorni nostri. La fotografia di questo lavoro cerca di essere la sintesi della pastosità dei colori, che un pittore riesce a mescolare sulla propria tavolozza. La forza dei contrasti fra ombre e luci fra ragione e follia, viene esasperata da un utilizzo costante di singoli punti di luce. La saturazione esasperata in alcuni punti delle scene d’epoca, rievoca l’artificioso intervento con i colori, che l’uomo effettua sulla tela, rendendo la percezione degli spazi il risultato di un racconto, una rielaborazione di quello che viene vissuto e viene riproposto. I molti neri descrivono in un unico intervento, il carattere bohémienne di Modigliani, e l’instabile stato d’animo di Lei. Molto interessante è stata l’interpretazione egli ambienti di un’epoca che non ho vissuto, e che potevano essere letti solo con la luce del sole o la debole luminosità delle candele. Un particolare grazie va a ttutti quelli che hanno lavorato al progetto e a Salvatore Errico instancabile compagno di viaggio.

Il trailer